Crea sito

Capodanno a Berlino

LA CITTÀ
La storia recente con il muro a dividere est ed ovest e poi la difficile strada della riunificazione rende Berlino una città unica. Un soggiorno qui è un tuffo nel passato ma soprattutto uno sguardo sul futuro: le nuove tendenze architettoniche ed artistiche passano per di qua e l’inverno è sicuramente il momento ideale per visitare la città. Con il buio i palazzi e le piazze vengono illuminati da neon e faretti colorati rendendo irriconoscibili e stupefacenti edifici che di giorno non avrebbero attirato la nostra attenzione. Prendere un caffè sotto la cangiante copertura blu-viola del Sony Center, ammirare il verde e lʼazzurro delle luci di Alexanderplatz o farsi accompagnare dalle luci della Torre della Televisione è un piacere che non ha eguali in nessun’altra capitale d’Europa.

PERCORSI GUIDATI
Avremo cinque giorni a disposizione per attraversare i luoghi della grande politica, ovvero la Porta di Brandeburgo, Alexanderplatz e percorrere ciò che resta del vecchio confine tra est ed ovest. Ci getteremo poi nei quartieri più popolari come Prenzlauer Berg per sperimentare la dura realtà dell’est e Kreuzberg, patria di artisti multietnici e dell’utopia alternativa degli anni 80 per concederci poi una gita fuori porta a Potsdam a vedere la residenza di Federico il Grande di Prussia. Per la notte di Capodanno tradizionale cenone e poi tutti a far festa nel più famoso boulevard del mondo, Unter den Linden, dove tra fuochi d’artificio e brindisi con i berlinesi accoglieremo lʼarrivo del nuovo anno.

Berlino a CapodannoPROGRAMMA
28 Dicembre: arrivo e sistemazione tra le ore 16 e le 18. Più tardi introduzione alla vacanza e consegna materiali. Primo vero approccio con la città a partire dalla brulicante vita notturna.
29 Dicembre: primo percorso guidato attraverso passato e futuro di Kreuzberg, le arti di strada, i suoni e i colori dell’utopia alternativa degli anni 80. Si termina all’imperdibile Checkpoint Charlie dove si trova un po’ tutto ciò che resta del Muro: ogni
centimetro di cemento ha una sua storia da raccontare. Pomeriggio libero: si consiglia la visita alla casa di Bertold Brecht. In alternativa acquisti per tutti facendo un salto, ad esempio, al mercatino turco Maybacufer. Un consiglio losco per il dopo cena: puntatina in uno dei caffé dove si incontravano le spie dell’est e quelle dell’ovest.
30 Dicembre: secondo percorso guidato attraverso la storia della città. Si parte dal Reichstag, oggi sede del Parlamento della Germania riunificata, si prosegue per l’imponente Porta di Brandeburgo, poi l’elegante Unter den Linden fino all’Isola dei Musei. Poi Alexanderplatz, fino all’89 vetrina del settore orientale, con la Rathaus, Marienkirche e la suggestiva Torre della Televisione alta 365 metri. Berlino a CapodannoDopo l’antico quartiere di San Nicola si punta sulla nuova Potsdamer Platz, quindi la brulicante Ku’damm: qui ci sono la chiesa commemorativa con il campanile recante i segni dei bombardamenti subiti nella II Guerra Mondiale e il KaDeWe, il più grande centro commerciale d’Europa.
31 Dicembre: terzo percorso guidato a Prenzlauer Berg, storia e vita quotidiana di un quartiere operaio dell’est, ricco di nuovi fermenti alternativi. Oppure consigliamo la gita fuori porta a Potsdam. Si trova in uno splendido scenario formato dai bracci del fiume Havel e da numerosi canali e laghi. Sotto il regno di Federico il Grande divenne la “Versailles Prussiana”, ricca di palazzi e prestigiosi monumenti e frequentata da numerosi letterati francesi tra cui Voltaire. L’insieme paesaggistico e architettonico costituisce indubbiamente la più grande opera artistica di questo genere in tutta la Germania. Al di sopra dei giardini a terrazza, percorrendo la grande scalinata si arriva al Castello di Sanssouci con le numerose sale, biblioteche e gallerie d’arte. All’interno del parco troviamo anche la Neue Orangerie con i giardini siciliani, le nuove sale ideate ad aranciera, poi trasformate in residenza per gli ospiti del castello e il Neues Palais, una massiccia costruzione con 400 sale e un’imponente raccolta di sculture e dettagli artistici. Sera: cenone di Capodanno in un locale tipico di Berlino. Brindisi e poi tutti alla Porta di Brandeburgo per ballare con i berlinesi.
1 Gennaio: purtroppo è giunta l’ora dei saluti e della partenza.

Curiosità: prendere un caffè sotto la copertura blu-viola del Sony Center o farsi accompagnare dalle luci della Torre della Televisione è un piacere che non ha eguali in nessunʼaltra capitale dʼEuropa.

COME ARRIVARE
In aereo: voli di tutte le maggiori compagnie aeree con partenze da varie città italiane.
In auto: Berlino dista da Milano 1000 km, tutti percorribili in autostrada e senza pedaggi da pagare.
In pullman: la linea Eurolines collega le principali città del centro/nord Italia con Berlino, via Vienna.

Contatta Francesca o Alessandro per prenotare il tuo Capodanno a Berlino.

Tags: ,

2 Responses to “Capodanno a Berlino”

  1. Luna Gioia
    29 novembre 2013 at 13:00 #

    Berlino è stupenda!
    Vi ho appena inviato una mail per richiesta disponibilità!
    Incrociamo le dita!
    Grazieeeeeeeee!

    • Francesca
      29 novembre 2013 at 15:19 #

      Grazie Luna per questo tuo apprezzamento!
      Concordiamo con te! Berlino è unica!
      Ti abbiamo appena mandato una mail di risposta.
      A presto!
      Eventi&Vacanze Staff