Crea sito

Il Sultanato dell’Oman

Noto come paese estremamente schivo il Sultanato dell’Oman sta lentamente emergendo dal suo guscio, rivelandosi una terra di gente cordiale e paesaggi suggestivi.
La capitale dell’Oman, Muscat, incanta i visitatori come nessun’altra città del Golfo saprà mai fare, forse perché non ha quell’atmosfera vagamente artificiale che contraddistingue la maggior parte delle altre città della regione. Muscat, Mutrah e Ruwi sono i quartieri centrali: è molto piacevole passeggiare nelle vie di Muscat, la vecchia zona del porto dove ha sede il palazzo principale del sultano; Mutrah, situato 3 km a nord-ovest di Muscat, è il più importante quartiere commerciale e residenziale della zona del porto, mentre a pochi chilometri nell’entroterra si trova Ruwi, la moderna area commerciale.
A Muscat sorgono tre forti, tutti costruiti, nelle forme attuali, intorno al 1580 durante l’occupazione portoghese della città. Il Mutrah Fort si eleva su di un colle mentre quelli di Jalali e Mirani fanno la sentinella all’ingresso di Muscat.
Assolutamente da non perdere è la visita al suk, la mattina presto o la sere per vedere il mercato del pesce e per una tazza di tè e una passeggiata nel bazar più interessante dell’Arabia. Salalah, la seconda città dell’Oman è radicalmente diversa da Muscat. È la miglior base di partenza per la visita dei villaggi e dei siti archeologici dell’Oman meridionale. Le rovine di Al-Balid, dov’era situata l’antica città di Zafar, giacciono 5 km a est del centro, lungo la costa. La città conobbe i suoi tempi migliori nell’XI e XII secolo quando era un attivissimo porto.
Mughsail si trova 45 km a ovest di Salalah e, oltre alle bellissime spiagge dei dintorni, vanta anche un panorama spettacolare nell’entroterra tra cui spiccano diversi boschetti di alberi da cui si ricava incenso. La strada che prosegue oltre Mughsail verso il confine con lo Yemen è ancora più suggestiva.
La città di Nizwa è da poco apparsa sulla scena del moderno Oman ma è divenuta uno dei principali centri turistici del paese. Il suo forte fu costruito verso la metà del XVII secolo dal sultano Bin Saif e per i tre secoli seguenti Nizwa fu la dimora prediletta dell’imanato L’altra importante attrazione di Nizwa è il souk: benché sia stato trasferito in un quartiere più ‘moderno’, questo bazar conserva ancora in parte l’antica atmosfera e vitalità.
L’Oman offre anche una vasta gamma di attività come le escursioni in fuoristrada sui monti e nel deserto, pernottando nelle tende dei campi beduini mentre gli sport acquatici sono la principale attività ricreativa: spiagge fantastiche, vela, windsurf, kitesurf e immersioni subacquee mozzafiato.

Contatta Francesca (esperta nella destinazione) o Alessandro per qualsiasi richiesta.

Tags: ,

Comments are closed.