Crea sito

La Big Apple su due ruote!

I love NY
New York è sempre di moda: c’è chi sogna di andarci per la prima volta o chi sogna di tornarci ancora. Ogni volta è sempre una scoperta e ci si sente parte di una realtà in continuo movimento e trasformazione. Frenetica ma accogliente, originale e mai scontata, la Grande Mela appare come una giungla urbana, taxi gialli, semafori, clacson. Ma anche qui la bici riesce a ritagliarsi degli spazi tutti suoi e si rivela il mezzo perfetto per una vacanza ecologica su due ruote, pedalando col naso all’insù, tra i quartieri più famosi e quelli meno conosciuti, per lasciarci affascinare da questa grande metropoli.

PROGRAMMA  
1° giorno: arrivo a New York, trasferimento al Residence e sistemazione negli appartamenti riservati. Aperitivo di benvenuto per brindare tutti insieme all’avventura a stelle e strisce. Cena libera e prima passeggiata per entrare nell’atmosfera frizzante della Big City.
2° giorno: prima avventura sulle piste ciclabili di Manhattan. Le ruote ci porteranno a Battery Park dove prenderemo il battello per salutare la Statua della Libertà e visitare il Museo Ellis Island. Nel pomeriggio, pedalata lungo l’Hudson River, per addentrarci nel Village, rimanere a bocca aperta a Times Square e nella lucentissima Fifth Avenue, per rilassarci infine su una panchina di Central Park.
3° giorno: lasciamo la nostra nuova casa newyorchese in direzione Brooklyn. Attraversiamo il famosissimo Ponte, estasiati dalla vista di Lower Manhattan che fa da sfondo. Visitiamo i quartieri più alla moda di Brooklyn, come DUMBO, Williamsburg, Green Point e Fort Green. Infine ci aspetta il Queens, con la vista mozzafiato da Long Island City e i coloratissimi graffiti di Five Pointz.
4° giorno: il mitico Bronx con tutto il suo fascino ci dà il benvenuto. Arriveremo fino a City Island, un’isoletta residenziale ferma nel tempo. Rientro in metropolitana, o per gli instancabili ancora avanti di pedali!
5° giorno: oggi è il turno di Harlem, un altro quartiere ricco di storia e fascino. Pedalata tra gli edifici della Columbia University risaliamo il fiume Hudson e ci addentriamo nel New Jersey attraversando il George Washington Bridge. Qui scopriremo inaspettate foreste secolari! Serata in compagnia a zonzo tra i locali del Meatpacking.New York in bicicletta

6° giorno: New York e il mare. Si parte da Manhattan, salutiamo di nuovo il Ponte di Brooklyn per pedalare poi lungo i Brooklyn Heights, attraverseremo il Prospect Park, il cugino meno famoso di Central Park ma non per questo meno fascinoso e, infine, ci lasceremo abbracciare dal blu dell’Oceano Atlantico con le spiagge di Coney Island e Rockaway Beach.

7° giorno: mattina a disposizione per visite libere o per l’irrinunciabile shopping. Nel pomeriggio partenza per l’aeroporto e volo di rientro.
8° giorno: arrivo in Italia. See you soon!

NOTIZIE UTILI
Documenti: l’Italia aderisce, insieme ad altri 26 paesi del mondo, al VISA Waiver program” (programma di esenzione del visto), che consente ai cittadini italiani di recarsi negli Stati Uniti d’America per turismo o affari per un periodo non superiore ai 90 giorni senza dover ottenere un visto purchè il passaporto sia conforme alla norme vigenti negli USA. Nel corso degli ultimi anni, per migliorare la sicurezza, gli Stati Uniti hanno gradualmente adottato documenti di viaggio sempre più sicuri, come il passaporto “a lettura ottica”, il passaporto “con fotografia digitalizzata” e a partire dal 26 ottobre 2006 del passaporto “biometrico”. Il nuovo passaporto “biometrico” in vigore dal 26 ottobre 2006, contiene un chip integrato (simile a quello presente sulle carte di credito elettroniche) capace di memorizzare le informazioni biografiche riportate sulla pagina dei dati personali, una fotografia digitale ed altre informazioni biometriche.
Stati Uniti in biciclettaPer poter entrare negli USA senza il visto è necessario essere in possesso di passaporto e di autorizzazione elettronica.
Il passaporto deve essere in corso di validità e rilasciato:
- prima del 26 ottobre 2005 comprendente una banda a lettura ottica
- tra il 26 ottobre 2005 e il 25 ottobre 2006 purchè dotato di fotografia digitale
- dal 26 ottobre 2006 puchè dotato di chip biometrico.
In caso di dubbio Vi chiediamo di verificare IN QUESTURA la validità del vostro passaporto. Dal 12 gennaio 2009 è poi indispensabile l’autorizzazione elettronica, che ogni visitatore straniero avente diritto al Programma Viaggio senza Visto deve richiedere personalmente. E’ necessario collegarsi al sito sotto indicato e inserire tutte le informazioni richieste: https://esta.cbp.dhs.gov
Tali norme sono in vigore per tutti (adulti, bambini e neonati) non solo per l’ingresso ma anche nel caso di solo transito da un aeroporto USA per raggiungere la destinazione finale. Si informa inoltre che all’ingresso negli USA, tutti i viaggiatori vengono registrati attraverso lo scatto di una foto digitale e la scannerizzazione elettronica del dito indice della mano destra e sinistra. Per ulteriori informazioni sulle norme USA in materia di visti, è possibile consultare i sitihttp://italy.usembassy.gov oppure http://milan.usconsulate.gov alla voce Visas/Visti. Per informazioni relative ai passaporti rilasciati dalle questure italiane va consultato il sito: http://poliziadistato.it/pds/index.htlm alla voce Passaporto. Il Travel Promotion Act (TPA) firmato dal Presidente Obama lo scorso mese di marzo, prevede l’applicazione di una fee per tutti coloro che viaggiano negli Stati Uniti con il programma Visa Waiver al momento della registrazione con il programma ormai obbligatorio ESTA (Electronic System for Travel Authorization) del U.S. Department and Homeland Security (USDHS). L’ammontare della fee è pari a $14 ($4 per la tassa e $10 a fronte del TPA) pagabili con carta di credito al momento della richiesta.

Stati Uniti in bicicletta
Obbligatorio per un viaggio negli USA è il possesso di una o più carte-di-credito, che vengono regolarmente richieste al check-in negli alberghi e per il noleggio delle autovetture. Le cosiddette carte “elettroniche” non vengono accettate in quanto consentono pagamenti e prelievi ma non gestiscono il credito.

Mance: al ristorante è d’uso lasciare una mancia variabile da un minimo del 10%, e in considerazione della quantità di servizio prestato, fino al 20%. Lasciare meno del 10% di mancia è considerato piuttosto scorretto in quanto il personale di ristoranti e  hotel  ottiene in genere un salario minimo per cui le mance costituiscono parte integrante del loro stipendio. Le mance non sono incluse nelle quote dei viaggi.

Vuoi visitare NY su due ruote? Contatta Alessandro o Francesca per un preventivo gratuito oppure compila il form sottostante:

Tags: ,

No comments yet.

Leave a Reply

*